Squid To Squeeze

“Squid to Squeeze” è un frullato di psichedelia, melodie easy listening, saturazioni e live looping.
Immaginatevi Syd Barrett prodotto dai Daft Punk.
Il looping è l’ingrediente principale: strofa e ritornello convivono assieme in una struttura pop verticale piuttosto che orizzontale e continuano a sommarsi l’una sopra  l’altro.
La seconda sostanza è la distorsione armonica del synth Moog Sub Phatty.
Il terzo elemento è la drum machine/campionatore Korg ESX che permette di avere ritmi “colorati”, fatti con suoni concreti come legni spezzati, carte stropicciate, o seppie
spremute.
L’ingrediente finale è la melodia, creata dall’amore per il brit rock sixties e nineties.
La musica di “Squid to Squeeze” è composta suonando, registrando e sovraincidendo in una loopstation e grazie ad essa, l’album suona vivo, rock e shoegaze, e non come semplici loop
preregistrati.
“Squid to Squeeze” è come un dipinto fatto da una scimmia.